CRUNCH IN TORSIONE – GOMITO GINOCCHIO OPPOSTO ALTERNATO (piedi a terra)

crunch in torsione

CRUNCH IN TORSIONE – GOMITO GINOCCHIO OPPOSTO ALTERNATO (piedi a terra)

ESECUZIONE:

Supino, ginocchia piegate con i piedi appoggiati a terra.

Mani a sostegno del collo, gomiti aperti (in caso di blocco scapolo-omerale è possibile utilizzare un asciugamano passato dietro la nuca).

Alternare il movimento da un lato e dall’altro, mantenendo alternativamente un braccio a terra (quando si ruota da un lato, il gomito opposto funge da perno al suolo), e spingendo la bassa schiena verso terra nel momento in cui la gabbia toracica si muove verso le pelvi.

Mantenere la contrazione anche in fase eccentrica, vale a dire tornare lentamente verso il suolo con il busto, prima di risalire dal lato opposto, sempre in  maniera controllata in espirazione naturale.

Particolare attenzione: 

Alla linea degli occhi: Guardare verso una posizione che consenta alla testa e al collo di rimanere in posizione naturale e comoda.

Lo sguardo deve essere proiettato in basso o in alto, secondo la rigidità del collo (in linea di massima: sguardo in basso verso le gambe in caso di rigidità anteriore, sguardo in alto verso il soffitto in caso di rigidità posteriore), per non procurare fastidiosi e pericolosi stiramenti.

Spalla: Sempre a terra durante la posizione di ritorno.

Velocità lenta; ritmo costante.

Espirare sia dal naso, sia dalla bocca in modo uniforme e durante tutta la durata della flessione-rotazione del tronco.

Contrazione: tenerla per u secondo alla fine della fase concentrica e controllare la successiva fase eccentrica.

Lascia un commento

(required)

(required)